FRAGOROSO SILENZIO

mercoledì 22 giugno 2011

Ri-eccoci...



Esiste un solo bene,la conoscenza, e un solo male,l'ignoranza.

Socrate


27 alunni,10 ore per la correzione...e quando alle ore 20,30 ho finito...mi dite che è tutto da rifare???????

Incompetenti!!!!!!!!!!!!!

Non voglio entrare in merito né alle domande né alle risposte previste dall’Invalsi...anzi perché no?Erano a dir poco ambigue, scorrette,discutibili,imprecise....ci sono i testi completi in tanti siti e quindi possono essere letti e analizzati da tutti...non si raccontano balle...

Siamo stanchi di lavorare gratis per gli incompetenti che ci costano milioni di euro...



L'Invalsi sbaglia il programma di voto per le correzioni delle prove svolte ieri dagli studenti di terza media 1 e i docenti devono ricominciare le valutazioni. La comunicazione è arrivata alle scuole attorno alle 20 di ieri sera, quando parecchie commissioni avevano già ultimato il lavoro di spoglio dei questionari e di caricamento dei punteggi al sistema. E questa mattina, quando sono stati avvertiti che occorreva continuare, alcuni pensavano fosse uno scherzo. E invece no. E sono partite le proteste. 2

IL TESTO DELLE COMUNICAZIONI DELL'INVALSI 3

"In seguito alle segnalazioni di alcune scuole si è riscontrato un problema tecnico della maschera per l'attribuzione del punteggio in alcuni casi particolari (da verificare individualmente su ogni studente) che le illustro schematicamente", recita la missiva inviata via e-mail alle scuole dal responsabile del servizio nazionale di valutazione, sottoscritta da Roberto Ricci. In buona sostanza, i professori che ieri sera hanno lavorato, in alcuni casi, fino a mezzanotte, dovranno rimettersi attorno ad un tavolo di santa pazienza e riprendere in mano tutti i fascicoli dei quasi 600 mila studenti alle prese con l'esame di terza media. Il tutto, gratis.

"Se il punteggio di Italiano è uguale o superiore a 21 - spiega in modo consolatorio Ricci ai commissari d'esame - , allora non ci sono problemi per la parte di Italiano. Se il punteggio di Italiano e minore o uguale a 20 - continua - , bisogna controllare il numero di risposte corrette del gruppo A. Se le risposte corrette del gruppo A sono esattamente 16, allora bisogna ricalcolare il punteggio e il voto mediante la nuova maschera che può scaricare dal sito dell'Invalsi. Se, invece, il numero di risposte corrette è diverso da 16, allora non ci sono problemi".

L'istituto invia alle scuole le griglie per la correzione sbagliate. Insegnanti sul piede di guerra, dopo le prove di ieri e le verifiche in vista degli orali di oggi. "Ci dicono arrangiatevi. Loro hanno sbagliato e a noi tocca fare il doppio del lavoro”

Da:Repubblica / Scuola /


“Test Invalsi senza pace. Un errore nella griglia di correzione delle prove di italiano e matematica, affrontate lunedì da circa 600mila studenti di terza media, ha riacceso ieri le proteste dei sindacati (non tutti) contro i test nazionali, usati per "misurare" la preparazione degli alunni.

Il tutto nella giornata in cui i lavoratori dell'Istituto di valutazione hanno protestato davanti alla sede del ministero dell'Istruzione, per denunciare che sono scaduti o stanno per scadere i contratti a termine di 46 persone, a cui si aggiungono i contratti di 10 collaboratori. «Non è più sostenibile - hanno spiegato i manifestanti - portare avanti un Istituto di ricerca che ha solo 22 lavoratori stabili».

Ad allertare gli insegnanti - che avevano già corretto le prove - sugli errori nelle griglie di correzione dei test Invalsi è stata, lunedì sera, una e-mail inviata ai dirigenti scolastici: il responsabile del servizio di valutazione dell'Istituto, Roberto Ricci, segnalava un problema tecnico nelle griglie che avrebbe falsato il voto finale. Nessun problema se il punteggio di italiano è uguale a superiore a 21, spiegava il messaggio. Sotto i 20 punti è indispensabile ricontrollare le risposte del gruppo A. Se le risposte corrette sono 16, bisogna ricalcolare tutto.

Problemi anche per matematica, nelle domande D2 e D9: se il candidato ha fornito tre risposte esatte su quattro bisogna ricalcolare punteggio e voto con la maschera corretta. Tutto liscio, invece, per le prove corrette manualmente. Ieri mattina l'Invalsi ha inviato una «maschera» corretta per rivedere i compiti, mentre il Miur ha confermato la piena validità della prova.”

Da:Il sole 24 ore


Test Invalsi, griglie correzione sbagliate
protestano gli insegnanti e i sindacati

Gli errori riguardano le prove di italiano e di matematica
Il ministero: polemica ridicola su fatto del tutto marginale

Da:Il Messaggero.it


“Il MIUR ha ammesso l'errore e, come scritto sul comunicato concernente la questione "il problema è stato tempestivamente individuato dai tecnici dell'INVALSI ed è stato risolto. Sono state inviate infatti alle scuole le istruzioni per la ricorrezione automatica dei punteggi e per la relativa traduzione in voti"

L'email dell'Invalsi per comunicare l'errore e la nuova griglia riveduta e corretta è giunta alle ore 20.16. Ciò ha comportato comunque una rivisitazione del lavoro già svolto in giornata. L'errore era presente nella griglia relativa alla prova d'Italiano e coinvolgeva tutto il blocco A. Se infatti il candidato avesse dato 15 risposte esatte, il sistema gli avrebbe assegnato 10 punti invece di 20. 10 punti sono tanti, ma l'errore era effettivamente circoscritto.

Le reazioni da parte dei media a questa imprecisione ha smosso il MIUR stesso che ha emanato un comunicato per ridimensionare l'accaduto. Soprattutto a seguito dei comunicati sindacali che denunciavano un lavoro straordinario da parte dei docenti a causa dell'errore.

Così lo SNALS denunciava "un aggravio di lavoro del personale docente impegnato ripetutamente nella rielaborazione delle correzioni e delle operazioni conseguenti". LaCISL che riteneva "certamente non è trascurabile il disagio che anche in questa circostanza ricade sugli insegnanti, chiamati a rimediare ad errori non propri con un sovrappiù gratuito di lavoro". La Gilda che ha ritenuto l'errore "un danno enorme sia per i docenti, che saranno costretti a ripetere tutto il lavoro, sia per gli studenti la cui serenità viene turbata in un momento importante" e per tale motivo hanno richiesto "con fermezza che i test Invalsi siano eliminati dall´esame di terza media". Abolizione richiesta anche da Professione Insegnante e a causa di questi errori materiali l'associazione invita la Gelmini perchè "dia disposizioni ai presidenti affinché non si tenga conto delle prove negli esiti degli esami di scuola media 2010/11"Come ha ricordato la CISL, la polemica è caduta proprio nel giorno in cui i precari dell’Invalsi reclamavano, davanti al Ministero, "una diversa e più alta attenzione per il proprio lavoro, a cui da troppo tempo manca un adeguato sostegno, anzitutto finanziario". L'attenzione ricevuta ieri non era di certo quella sperata.”

Da: OrizzonteScuola.it

Sempre vigili

9 commenti:

  1. E' come essere nelle scuole private:)))
    Lorenzo

    RispondiElimina
  2. Peggio!!!!!!!!!!!!Caro Lorenzo....

    RispondiElimina
  3. Ennesima dannosa tampa dei soliti noti!

    RispondiElimina
  4. Agghiacciante. Roba da prendere a calci sia la ministrina che i suoi collaboratori.
    Comprendo benissimo l'indicazione degli insegnanti.

    RispondiElimina
  5. Upupa . La destra dice che la scuola
    "migliore" è quella privata, certo ! lo credo anch'io , perché se paghi, ti promuove automaticamente.E' "migliore" per chi non ha voglia di studiare, ovviamente, essa diventerebbe un sistema per sottrarre fondi pubblici.Tutti sappiamo che alle scuole private insegna chi non ha mai vinto un concorso, ma ha buoni spintoni per entrare :o è parente d icoloro che gestiscono questi istituti, o è ben introdotto nell'ambiente ecclesiastico, se si tratta di scuole gestite da religiosi, o tiene alle spalle un politico ,che ...può.
    La scuola pubblica ha molti difetti, è inutile negarlo ,invece il ragionamento ridicolo è quello di dire 'la scuola pubblica fa schifo, dobbiamo garantire a tutti quella privata'Per me la scuola pubblica e la meglio perchè non ci sono raccomandazioni come quella privata privata
    Ci siamo mai chiesti perchè la scuola privata si diventa per magia bravo e nella scuola pubblica devi studiare per diventarlo?" oppure "per molte persone quando vengono bocciate nella scuola pubblica vanno subito in quella privata e sono promosse?"Purtroppo, dovrebbero tutti lottare perché possa migliorare la scuola pubblica per che un buon funzionamento di essa è segno di grande civiltà e interesse del paese, per il futuro è qualcosa di prezioso, in cui si viene valutati per meriti e non per soldi.Studiare è importante , vuol dire non accontentarsi di quello che danno gli insegnanti, ma e andare sempre oltre.Ai ragazzi vorrei dire : Studiate il più possibile ragazzi!!! ricordatevi che : Più sapete e meno vi fregano!Lina

    RispondiElimina
  6. Come è potuto accadere tutto ciò? Come abbiamo fatto a tacere quando, questi pivelli titolati, ci hanno detto che avrebbero dirottato i finanziamenti pubblici alle cliniche private, a danno degli ospedali pubblici, alle scuole private a danno di quelle pubbliche... L'indifferenza è il grande male di ogni popolo, e gi italiani abbiamo peccato di indifferenza. Nemmeno un minimo di attenzione al partito di opposizione, che per anni ha fatto il gioco dell'attuale classe dirigente... Mai arrendersi,come hai detto anche Tu! Ci tocca riprendere in mano la situazione in maniera seria, ricominciare da dove era iniziato il discorso della democrazia... dalla Resistenza!

    RispondiElimina
  7. MOOOOOOOLTO PEGGIO .......!!!!!

    RispondiElimina
  8. stiamo messi proprio male....

    o.t.grazie.

    RispondiElimina
  9. Ma non passi più a trovarmi e commentare i miei post?

    RispondiElimina