FRAGOROSO SILENZIO

venerdì 5 aprile 2013

Il silenzio dell'Aquila...città fantasma dove tutto è ex...


 

 




Quanto sei bella stanotte



Quanto sei bella stanotte
addormentata nei profumi di marzo
io ti guardo in silenzio stanotte
e breve o lunga che sia la strada
che resta ormai al nostro viaggio
io continuerò a scriverti poesie
come sogno di fede, d'amore e di coraggio,
città, città mia addormentata.


di Valter Marcone 


 

TERREMOTO L'AQUILA 6/4/2009





L'Aquila com'era. L'Aquila com'e'

L'Aquila tre anni dopo

 

 

 

 



A quattro anni tutto uguale...e il silenzio è diventato assordante!!!!!!!!!!!!!!!!
" Nessun dorma"..................

Sempre vigili


8 commenti:

  1. Cara Iolanda, veramente un bellissimo post.
    Il ricordo di quel tragico terremoto della città simbolo del grande Abruzzo è ancora ferita, è con tante parole non si è ancora visto nulla di concreto. Grazie dei bellissimi versi di Valter Marcone, e dei bellissimi video.
    Buon fine settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso...che tristezza!!!!!!!!

      Elimina
  2. Ciao Iolanda e piacere di conoscerti, io spero tanto che gli abitanti dell'Aquila, possano sentire davvero il nostro abbraccio di solidarietà oggi come allora, perché noi non dimentichiamo a differenza delle istituzioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sciarada...anche per me è un gran piacere conoscerti!!!!!!!!!!!!!
      Noi, è vero, non dimentichiamo...e chi può dimenticare le passerelle dei nulla facenti, le bugie,le mancate promesse????????????????

      Elimina
  3. Questa splendida città è il monumento all'insipienza arrogante della nostra politica: un patrimonio umano e storico dimenticato da quattro anni. E rispolverato soltanto nel momento tòpico della "captatio benevolentiae", quando serve consenso e qualche lacrimuccia ipocrita non guasta. Ma sono di parte: nelle mie vene scorre metà sangue aquilano.
    Gran bel post, Upupa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bastian Cuntrari...è veramente una vergogna e una ipocrisia senza limiti...

      Elimina
  4. E quante promesse dei soliti noti non mantenute! Una incredibile vergogna!

    RispondiElimina
  5. E una vera vergogna che tutt'ora dopo ben quattro anni all'Aquila vittima del terremoto non si sia fatto ancora molto di concreto. Una Vergogna.

    RispondiElimina