FRAGOROSO SILENZIO

mercoledì 23 novembre 2011

Su la testa...




Siamo così...








Don Gallo: “La Chiesa paghi le tasse e sia povera”
“L’emendamento dei radicali sulla richiesta di contribuzione del Vaticano all’economia del Paese”, non solo è “giusto”, ma rappresenta anche “un’occasione per la Chiesa stessa per recuperare la strada maestra della sobrietà e della vicinanza con gli ultimi”. Lo ha detto don Andrea Gallo, intervenendo alla festa dell’Anpi a Toirano, in occasione della presentazione del suo libro “Di sana e robusta Costituzione”. Il fondatore della comunità per tossicodipendenti “San Benedetto al Porto” ha richiamato la platea ai valori fondanti del testo costituzionale, criticando “il moralismo della Chiesa” – soprattutto in tema di sessualità – ed esaltando la necessità per le donne di rivendicare con forza i loro diritti “se non ora quando”. Don Gallo non ha risparmiato critiche a un governo che “colpisce sistematicamente il bene pubblico in tutte le sue forme” (a partire dalla scuola) e nei confronti di “soggetti che ne distorcono il significato”. L’attacco è rivolto soprattutto a Comunione e Liberazione, ribattezzata per l’occasione “Comunione e Lottizzazione”. Don Gallo ha concluso citando Don Milani: “Le uniche due armi che ha il popolo sono il voto e lo sciopero”. Ma “di fronte a un periodo come questo non basta uno sciopero di un giorno. Ci vorrebbe di almeno un mese!” di Giovannij Lucci

Sempre vigili

9 commenti:

  1. Ciao Upupa e buona serata. Infatti, Don Gallo non sta molto simpatico ai vertici del Vaticano! E neanche chi chiede, come me, di azzerare i contributi diretti (che non è l'8 per mille) dello Stato italiano a quello Vaticano e di farla finita di "mantenere" uno Stato ricco e straricco di suo, che investe in borsa tanto quanto gli speculatori che oggi ci dissanguano. Ma queste richieste, in un Paese bigotto come il nostro, sono bestemmie!

    RispondiElimina
  2. ... dimenticavo! I contributi diretti, ossia il finanziamento per ristrutturazione di beni di proprietà della chiesa, costruzione di nuove chiese, pagamento degli insegnanti di religione, finanziamento alle scuole (private) gestite dal clero e tante altre cosine che esulano dai fondi dell'8 per mille, ammontano a robetta come una decina di miliardi di euro l'anno!!

    RispondiElimina
  3. Caro Carlo, la chiesa deve fare la sua parte che non è per dovere civile ma perchè si è abbondantemente approfittata del suo potere e della sua posizione a danno di chiunque...è finito il tempo delle favole e delle falsità...

    RispondiElimina
  4. Don Gallo: un degno esempio di impegno sociale e civico!

    RispondiElimina
  5. Caro Adriano...è importante capire quali sono le nostre responsabilità nella vita e accettarle...così si può condurre una vita più importante e che non riguarda solo te stesso...Don Carlo penso che l'abbia capito...

    RispondiElimina
  6. grande Don Gallo , uno di noi !!

    RispondiElimina
  7. :La Chiesa sia povera e paghi le tasse !!!

    RispondiElimina
  8. Caro Valerio...nel nostro paese le "menti" ci sono, è che non le ascoltano...

    RispondiElimina
  9. Caro Enly...solo se pagasse l'ICI non avremmo problemi...

    RispondiElimina