FRAGOROSO SILENZIO

venerdì 15 maggio 2009

Gli uomini contro se stessi......





“Non è necessario credere in una forza soprannaturale del male:gli uomini da soli sono perfettamente capaci di qualsiasi malvagità”. Joseph Conrad

Aprirsi al mondo è un’emozione,un diritto,una necessità,un dovere. Uscire dalla cerchia della famiglia,della scuola,del lavoro,degli amici e confrontarsi con un’epoca complessa come la nostra non può avvenire senza conoscere i fenomeni che si incontreranno nel corso dell’esperienza.
Eppure conoscere il mondo che ci circonda non è facile perché le nostre opinioni sono spesso manipolate, o addirittura create dal mondo falso dell’informazione che è, nonostante tutto,la nostra finestra per osservare una realtà così articolata e in continua evoluzione.
Così “malnutriti” da una infangante e ambigua informazione abbiamo una visione del mondo distorta e\o approssimativa…inoltre cominciamo ad avere un’idea dell’altro completamente distorta….
Il nostro tempo è violento e,a volte, esageratamente spietato.
La violenza però, non è solo quella praticata dai delinquenti, dai ladri e assassini,ma è anche quella praticata quotidianamente da molti di noi….
Sicuramente sono le condizioni generali di questa società detta”moderna” che favoriscono una violenza ininterrotta,continua e di cui restano vittime soprattutto i più deboli,i più indifesi e i più poveri.
Gandhi era solito dire che” l’uomo sa che dal male può venire soltanto il male,come il bene dal bene….L’umanità deve liberarsi dalla violenza solo per mezzo della non violenza”.
L’apoteosi della violenza in questo periodo è….il “respingimento” degli stranieri messo in atto dal governo …..
Questa è una violenza che supera ogni “umana” convinzione!
Su questo argomento Il Consiglio Europeo bacchetta l’Italia…
l’Onu ..bacchetta l’Italia….
Il mondo intero fa domande….
L’Italia a sua discolpa porta le solite argomentazioni…..che sanno di populismo : gli immigrati portano criminalità,violenza,degrado,prostituzione e anche malattie……
L’Italia però dimentica i tanti episodi di grande solidarietà,umanità e partecipazione regalatoci da molti extra comunitari…..ultimo l’episodio dei due nigeriani corsi in aiuto di due persone anziane prese a martellate …i presenti “italiani” non sono intervenuti …i nigeriani si……
La memoria “corta”non è una malattia è solo un modo viscido e pericoloso di nascondere le cose.
L’Italia dimentica che il 9,7% del nostro Pil è dato dagli stranieri… che gli stranieri aprono Bar,pizzerie,piccole imprese e negozi …quindi lavorano e fanno lavorare! A differenza del Presidente che non vuole l’Italia multietnica, la nostra economia è già multietnica…..( questo Presidente è sempre impegnato in altri”affari” e non si accorge di nulla… in più ora dice che gli italiani hanno anche problemi psicologici!!!!!!!!!!)
Lui e i suoi “compari”però legiferano … E su cosa? Sul reato di immigrazione clandestina,sulla permanenza di sei mesi nei Cie,sulle ronde, il registro dei clochard …..
Tutte norme in contrasto con l’Art.2 della Carta che “riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo”.
E intanto il governo impone la fiducia….un braccio di ferro ….
L’Italia è responsabile di tutto ciò……..!
E’ responsabile della nostra mutilata democrazia…del potere ignobile che il governo si addebita…. della mancanza del rispetto dei diritti di ogni singolo individuo…bianco,nero,giallo….rosso….
E’ responsabile di non riconoscere la sua incapacità a gestire il nostro tempo…
In fondo dobbiamo capire…….ma cosa vogliono tutti questi clandestini?
Hanno un vizio strano….il vizio di vivere,il coraggio di rischiare e demolire certezze, il vizio di immaginare il futuro, di provocare,di non fermarsi al già detto, di perdersi e ritrovarsi … per dialogare con se stessi e con gli altri!!!!!!!!
Riappropriamoci del nostro senso “umano”.
Sempre vigili

29 commenti:

  1. Ciao Upupa!
    Sai che queste vicende mi stanno molto a cuore.
    Ho dedicato loro più post.

    Inutile dire che io concordo e straconcordo con quanto Gandhi affermava.E sono pronta ad incidermelo nel cuore.

    Un bacio!

    RispondiElimina
  2. le tue riflessioni sono molto profonde, tuttavia ritengo che se l'Italia va a rotoli, la colpa sia da ricercare nel singolo.
    Ognuno di noi ha un'etica, che può essere condivisa oppure no, ma al momento dell'agire tutti l'abbandonano. Paura della solitudine? paura di essere tagliati fuori da un società che non ammette intelligenza? Non lo so!
    So solo che l'uomo ha perduto la sua singolarità, ha perduto la vogliA agire per creare un mondo migliore.
    Sarà colpa della Tv che ci impone modelli da imitare?
    Troppo complicato rispondere!
    baci

    RispondiElimina
  3. UPUPA
    Sempre interessante Il tuo blog un argomento tristissimo ma reale :-((
    ora è tardissimo ripasserò
    ORA POSSO SOLO AUGURARTI LA
    BUONA NOTTE
    UN BACIONE ..LINA

    RispondiElimina
  4. Noi che non ci siamo accodati a questo pazzoide che crede di saper governare il paese con leggi e decreti da far accapponare la pelle, ovviamente non lui da solo ma anche i suoi lecchini, dovremo darci da fare e convincere persona per persona che stiamo andando verso il baratro. E' necessario sbarazzarcene al più presto. Che vada nelle sue ville dorate a fare quello che ca...gli pare.

    RispondiElimina
  5. Secondo me, non abbiamo mai "elaborato" il fascismo. L'abbiamo combattuto, e creduto che bastasse questo. Il nazismo è stato ancora peggio, ma dopo la sua caduta la Germania ha affrontato con caparbietà e coraggio un cammino dolorosissimo di riflessione. Questo in Italia non è mai stato fatto. Gli Italiani non hanno espulso il fascismo dalla testa, dal cuore e dal ventre.
    Quanto si parlava di fascismo negli anni '70! Quante volte Pasolini ha scritto sul fascismo della sua epoca!
    Ora è troppo tardi. Siamo immersi nel piccolo fascismo quotidiano, abbiamo eletto un presidente criminale che fa il piccolo duce (per fortuna ha i soldi ma non le capacità), e politici corrotti e razzisti.
    La gente è razzista, la gente (più del 50%) è d'accordo con l'esclusione.
    Non ci resta, oggi (con la coscienza di essere minoranza), che testimoniare la nostra dirittura morale ed etica senza compromessi.
    Essere e restare umani. Essere il granello di sabbia nell'ingranaggio.
    Finché ci sarà un seme sulla terra, ci sarà la possibilità di piantarlo ed avere nuovi semi.
    Ciao, cometa

    RispondiElimina
  6. Ciao UPUPA, io sono arrivata al punto di chedere all'Altissimo di liberarci da questo giogo...tipo Mosé...

    RispondiElimina
  7. hai scritto un bellissimo post
    volevo farti i complimenti per il blog, è la prima volta che lo visito

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Cio solopoesie...un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Upupa e cosa aggiungere ancora?
    Miseria squallore cattiveria imperano...

    Pochi semini o poche gocce d'acqua porteranno, seppure lentamente,ad un ripensamento, ad una presa di coscienza dell'utilità della non violenza?
    Io me lo auguro, upupa.

    RispondiElimina
  11. Carissima! Hai scritto idee e riflessioni che condivido in pieno!
    Uomini contro se stessi, ma...sempre vigili, cerchiamo di andare avanti.
    P.S. Pochi giorni fa un'upupa si è fermata nel mio giardino. Ti ho pensata

    RispondiElimina
  12. Per Stella: ciao cara...è veramente una miseria umana!
    Cara Emanuela.....testa alta e cuore in mano!

    RispondiElimina
  13. Upupa,
    che squallore e che miserie regnano ormai in questa terra che diciamo essere abitata da esseri "umani" e la verità è che non bisogna prendersela con chi legifera, avete visto i sondaggi di "Ballarò"?? il 70% degli italiani è d'accordo con il Governo sul tema immigrati, aveva ragione Rousseau "Ogni popolo ha il Governo che merita" che aggiungere?? Noi non l'abbiamo scelto?? Ma la maggior parte si...e come uscirne?? Emigrare anche noi....(IO CI STO' PENSANDO)
    La verità Upupa è che sono venute delle persone (non offendo la tua categoria ma ...) ma sai cosa mi hanno detto?? Fa bene Berlusconi che li rimanda indietro alle proprie case....Rimani senza parole...e sarebbe inutile spiegare (perchè dovrebbero sapere...LORO...)....
    Noi combattiamo per una umanità perduta nei secoli...scorsi, ma come dici tu "sempre vigili"
    COMBATTIAMO perchè se continuiamo così, ci penseranno loro a farci finire sui barconi !!!!
    (con il debito pubblico che abbiamo ...fra qualche anno...)
    Ti abbraccio
    Ornella

    RispondiElimina
  14. Esprimiamo indignazione e sconcerto per il gravissimo episodio avvenuto all’Ospedale “Fatebenefratelli” di Napoli dove KANTE, una giovane immigrata, è stata denunciata dopo il parto, perché “clandestina”. E’ un atto vergognoso che offende il valore sacro della persona e la coscienza civile della nostra città, crocevia di popoli e di culture; ancora più inconcepibile perché accaduto in una struttura “cattolica” che dovrebbe contraddistinguersi operando nel rispetto dei più indifesi (a cominciare dagli immigrati), della loro dignità ed integrazione.

    Nell’esprimere piena solidarietà a Kante ed al piccolo Abou, attendiamo che la Chiesa napoletana condanni senza mezzi termini una vicenda emblematica della grave deriva morale nella quale sta sempre più scivolando il nostro Paese, alla quale non sono certo estranee le scelte politiche, in tema di sicurezza, operate dal governo.

    Comunità Cristiana di Base del Cassano (Napoli, 1 aprile 2009)


    Vedi Upupa??
    Ornella

    RispondiElimina
  15. Duemila e cinquanta anni fa, giorno più giorno meno, in un’ora simile a questa, il buon Cicerone stava gridando la sua indignazione nel senato di Roma o nel Foro romano: “Fino a quando, Catilina, abuserai della nostra pazienza?”, e chiedeva una volta di più al vigliacco cospiratore che aveva voluto ucciderlo per impadronirsi di un potere al quale non aveva alcun diritto. La Storia è tanto prodiga, tanto generosa, che oltre a darci eccellenti lezioni sull’attualità di alcuni eventi d’altri tempi, ci lascia anche, per nostro uso, alcune parole, alcune frasi che, per una qualche ragione, hanno finito per gettare radici nella memoria dei popoli. La frase che ho citato prima, fresca, vibrante, come se fosse stata pronunciata un attimo fa, è senza dubbio tra quelle. Cicerone fu un grande oratore, un tribuno di enormi mezzi espressivi, però è interessante notare come in questo caso abbia preferito utilizzare termini tra i più comuni, che avrebbero potuto uscire dalla bocca di una madre che rimprovera il figlio irrequieto. Con l’enorme differenza che quel figlio di Roma, quel tale Catilina, era un mascalzone della peggior specie, sia come uomo che come politico.
    La Storia d’Italia per qualcuno è sorprendente. E’ un lunghissimo rosario di geni, pittori, scultori o architetti, musicisti o filosofi, scrittori o poeti, miniatori o artisti, un numero senza fine di gente sublime che rappresenta quanto di meglio l’umanità ha pensato, immaginato, fatto. Non mancano certo le catiline di caratura più o meno forte, però nessun paese ne è esente, è una lebbra che tocca a tutti. Il Catilina di oggi, in Italia, si chiama Berlusconi. Non ha bisogno di dare la scalata al potere, perché è già suo, ha abbastanza denaro per comprare tutti i complici di cui ha bisogno, compresi giudici, deputati e senatori. E’ riuscito nell’impresa di dividere il popolo italiano in due parti: quelli cui piacerebbe essere come lui e quelli che già lo sono. Adesso promuove l’approvazione di leggi discriminatorie in modo assoluto contro l’immigrazione illegale, si inventa pattuglie di cittadini per collaborare con la polizia nella repressione fisica dei migranti senza documenti e, colmo dei colmi, proibisce ai figli di padri immigrati di essere iscritti nei registri civili. Catilina, quello storico, non avrebbe fatto di meglio.
    Dicevo prima che la Storia d’Italia per qualcuno è sorprendente. Per esempio, sorprende che nessuna voce italiana (almeno che io sappia) abbia ripreso, adattandole ma di poco, le parole di Cicerone: “Fino a quando, Berlusconi, abuserai della nostra pazienza?”.
    Bisognerebbe provarci, magari si avrà qualche risultato e magari, per questo o per qualche altro motivo, l’Italia tornerà a sorprenderci. Parole di José Saramago

    Se qualcuno si svegliasse!

    Ti abbraccio
    Rosa

    RispondiElimina
  16. Per Rosa....la citazione è stata ripresa dal Premio Nobel Josè Saramago su MicroMega.net e ieri su Repubblica Alberto Mattone ha scritto un bellissimo articolo citando anche "The Times"...che ha inviato a Napoli il suo corrispondente londinese e che oggi pubblicherà un'inchiesta sul "sultano"...quello che mi preoccupa è che l'Italia non vuole "ascoltare" ciò che dice il nostro farneticante Presidente .. ci si avvia sulla pericolosa strada che conduce alla morte della democrazia non a caso le Leggi emanate dal governo hanno lo stesso sapore delle Leggi razziali emanate nel 1925....ciò significa che l'Italia non ha imparato nulla dalla storia...e quando io con i miei ragazzi affronto l'argomento degli extra comunitari....le risposte che danno mi lasciano senza parole e io mi rendo conto che più forte di me e delle mie parole sono i commenti fatti in famiglia ....famiglie profondamente razziste! I miei sondaggi danno risultati preoccupanti e Catilina era un angelo rispetto ad alcune riflessioni....
    Cosa dobbiamo aspettarci di diverso se di fronte ai rimproveri del Consiglio Europeo il nostro ministro Maroni dice che noi andremo avanti lo stesso...e un La Russa dice che certi istituti( ONU) contano come il due a coppe?
    Il popolo dei pecoroni applaude a tali prese di posizione ....applaude alle passerelle nei luoghi del terremoto....applaude perchè un Presidente va alla festa di una diciottenne ...
    Applaude....applaudiva anche Mussolini quando dal balcone di piazza Venezia diceva "Vinceremo"...poi ha pianto quando migliaia di soldati non sono tornati...
    popolo di pecoroni quando diventi un " popolo " ?

    RispondiElimina
  17. Per TMO...ti rispondo solo al secondo intervento....Purtroppo quando si parla di mafia,'ndracheta,massoneria ecc. ci si dimentica sempre della chiesa....La chiesa è un'associazione che riassume tutte quelle sopra citate e mette in atto gli stessi meccanismi di potere ....ha completamente dimenticato la sua missione...i suoi principi e i suoi fondamenti..Basta analizzare le sue posizioni di fronte alle tematiche sociali più scottanti,ai problemi esistenziali e alle richieste di aiuto psicologico e morale della gente....I passi del Vangelo per la chiesa sono diventati quello che per noi sono:Cappuccetto Rosso,La Bella Addormentata ecc. cioè FIABE!
    Non voglio urtare la sensibilità di chi segue la chiesa( è solo la mia posizione)....ma i fatti parlano da SOLI...VOGLIAMO RICORDARE LA CLINICA DEGLI ORRORI? vogliamo parlare dei preti pedofili? vogliamo parlare delle tante proprietà della chiesa che come "lasciti di brava gente" contribuiscono alla sua vita da "ricca"? Non voglio generalizzare perchè ci sono sacerdoti impegnati nel sociale e che compiono un eccellente lavoro...ma la percentuale è veramente bassa!E' di ieri la notizia ...a L'Aquila procedono gli espropri per la ricostruzione....sono stati espropriati terreni dove vi sono case private regolarmente costruite e vogliono pagare i terreni come fossero agricoli..invece ci sono terreni liberi della CURIA che non sono stati toccati!!!!!!!!!
    La ricchezza della chiesa non si tocca!!!!
    E dov'è la partecipazione dolorosa per tanta disperazione della gente che ha perso parenti,amici,case ? La carità non abita più nei locali della chiesa....?

    RispondiElimina
  18. Brava Upupa...hai dimenticato lo IOR ...ma vogliamo parlare dei soldi del Banco Ambrosiano con Calvi?? Erano per il 60/70% della Chiesa....
    ...e brava la Chiesa erano i ....soldi delle offerte portati all'Estero...Però c'è come dici tu chi è in gamba e "Crede" veramente (fra di loro dico...)
    Ma perkè al primo non hai risposto????
    Oggi stò troppo male Upupa ..... Ti abbraccio
    Ornella

    RispondiElimina
  19. Per TMO....non ho risposto al primo intervento perchè avrei dovuto dirti quello che ho detto a Rosa!!!!!!!!!!!!ti consiglio di leggere il post sul blog di cristian....ne dice delle belle sullo IOR..BRAVO CRIS!!!!!!!!
    http://wwwblogdicristian.blogspot.com/2009/05/scandali-affari-e-misteri-tutti-i.html

    RispondiElimina
  20. Ciao, perdonami se vado off topic. Sono l'amministratore di un blog cinematografico dedicato alla Settima Arte e non solo.

    Mi piacerebbe se accettassi la mia proposta di scambio link. Che ne pensi? ;-)

    Fammi sapere.
    Drewes
    http://angolofilm.blogspot.com/

    RispondiElimina
  21. Povera Upupa!!!!!!!
    Non può volare ora sapete?????
    E' INGESSATA!!!
    Tanti baci Upupa
    Ornella

    RispondiElimina
  22. Forse hanno paura dell'emigrato perchè ancora gli è rimansto un cervello e la voglia di vivere con rispetto che a molti di noi italiani detti civili manca chissà da quanto tempo...
    Ciao

    RispondiElimina
  23. Ti faccio i miei complimenti cara Upupa,mi hai incuriosita per il tuo nome all'inizio,poi ho letto ciò che scrivi e concordo con gran parte di quanto dici,mi piaci per come ti riesci ad esprimere e a comunicare,ti sento a me vicina,grazie.Rita

    RispondiElimina
  24. Cara Ishtar...secondo me questo comportamento è una vera è propria sconfitta della democrazia!

    RispondiElimina
  25. Cara Rita ..benvenuta e grazie delle tue parole!

    RispondiElimina
  26. UPUPA
    L'argomento che tratti è delicato e
    non lo sipuò affrontare con i
    preggiudizzi in un senso o
    nell'altro.
    Ci vuole la consapevolezza
    che l'immigrazione clandestna
    è un fenomeno da contrastare
    duramente e senza indugi, ma
    al contempo bisogna trovare
    il sistema di poter garantire
    rifuggio ai perseguitati ecc.
    E' un dovere che però deve
    coinvolgere l'intera comunità
    europea, quindi l'Italia
    deve far capire che non può
    farsi carico da sola di questo
    "onere". Oltre al dovere di
    accogliere profughi e
    perseguitati vi è il dovere
    da parte della comunità
    internazionale di intervenireù
    in quei paesi dove si ledono
    i diritti umani, anche
    militarmente, e destituire
    i governi altrimenti se
    riconosci la sovranità di
    stato a quei paesi è
    contradditorio accogliere
    i suoi cittadini quali
    perseguitati.
    Purtroppo e' doloroso dirlo,
    ma l'accoglienza non puo'
    essere illimitata...
    Senza ombra di dubbio dietro
    alla parola fine, ci saranno
    delle storie tristi di donne
    con bambini, di uomini che
    lasciano la loro terra per
    una speranza.
    A volte mi sono posta la
    domanda:
    "se fossi io nella loro
    situazione?"
    D'istinto ho sempre pensato che
    il mondo e' di tutti...
    ma credo che nel tempo tutti
    noi abbiamo corretto modo di pensare...
    negli anni siamo andati
    incontro a fenomeni di
    delinquenza, ci sentiamo
    talvolta braccati...
    dispiace dirlo, ma avevamo
    gia' i nostri di delinquenti...
    la liberta' sta venendo meno...
    chi non dividerebbe un
    pezzo di pane?
    ma di pane non si tratta piu'...
    la solidarieta' e
    l'ospitalita' incomincia
    ad avere un prezzo alto...
    a questo punto non credo
    neanche che sia un
    discorso politico...
    anche se la politica
    c'incastra sempre...
    in maniera spicciola
    credo che...
    e mi duole dirlo...
    che l'Italia non puo'
    accogliere piu' nessuno...
    e...
    questo avverra' con dolore...
    Tutti i puntini che ho messo...
    sono per comunicare un
    pensiero terreno...
    nell'intimo
    vorrei dire l'esatto contrario...
    CIAO E BUONA GIORNATA ..LINA

    RispondiElimina