FRAGOROSO SILENZIO

mercoledì 28 dicembre 2011

Profumo di bugie...





Siamo seri!

Nel suo ultimo libro”Grazie no”in uscita a gennaio, scrive Giorgio Bocca...
“Due Italie separate e non comunicanti L’Italia delle caste e delle cricche e quella che si guadagna onestamente la vita. Lontana l’una dall’altra anni luce,nel modo di vivere,di pensare,nei modelli di morale e di estetica. Come sia possibile la loro convivenza senza una dura resa dei conti resta un mistero. Forse è l’istinto di sopravvivenza,lo stare comunque sulla stessa barca,nello stesso mare infido.(...)
La coesistenza delle due Italie è permessa dalla naturale ritrosia degli onesti a frequentare ladri...
Fatto sta che spesso accade che un onesto alla notizia di una ennesima retata di ladri si chieda: ma è possibile che io non ne riconosca mai uno,che incontri per il mio lavoro capiufficio,direttori, pubblici ufficiali, imprenditori e mai una volta che mi renda conto che sono dei ladri?...
Spesso gli italiani dell’Italia onesta vivono nel loro paese come in un paese straniero,cercando di passare inosservati, di non incorrere nelle ire e nelle vendette dei padroni, che al minimo dissenso li accusano di essere dei sovversivi, iscritti al partito dell’odio...
Quello che solo ieri era considerato scandaloso è diventato normalità, e chi è cresciuto in altri tempi, con altre idee dello scandalo e del peccato si sente non solo sorpassato ma estraneo al modo di vivere in società”...

Due Italie...io, nel mio piccolo, senza presunzione,direi che di Italie ve ne sono tre...c’è da aggiungere l’Italia dei cassintegrati, di chi perde il lavoro, di chi lotta per tornare a casa con qualcosa da mangiare per i figli, di chi non ha più un tetto sulla testa, di chi si suicida per questi motivi...Italie separate che reclamano una dura resa dei conti...
Ma quando?
Intanto,nonostante la durezza dei provvedimenti presi, questo esecutivo continua a elargire solerti proclami all’insegna della crescita,dell’equità...inesistenti nelle intenzioni e nei fatti...
E questo non doveva essere il governo dei proclami...

Dettagli che non sono dettagli...
L’unica certezza è che i soldi sono finiti...Lo dicono le banche che pure sono responsabili del disastro attuale, lo dicono i politici che nel frattempo continuano a nascondere le loro responsabilità,lo dicono i consumi degli ultimi giorni...
Intanto il ministro dell’Istruzione Profumo dice...

Da Repubblica.it

Un tablet sul banco
e la scuola diventa social

Scuola, 300mila precari sperano
"Bene Profumo, ma niente illusioni"

Profumo, videoforum a Repubblica tv
"Graduatorie e concorsi separati"

Siamo seri...ministro, c’è puzza di bugie...
La scuola arranca, non riesce a comprare la carta igienica... non si possono riparare porte, finestre, banchi...per non parlare dei PC...
Gli insegnanti continuano a realizzare progetti gratis, regalano libri e materiale a chi non se lo può permettere...Le classi, in caso di assenza dei docenti, a volte, rimangono scoperte o sistematicamente assegnate ai docenti di sostegno perché non ci sono soldi per le supplenze...in più con la “manovra”, molti docenti, nonostante i 60 anni, non possono andare in pensione...e si parla di 300 mila precari da assumere...Dove??????????
Il Tablet sul banco!!!!!!!!!!!! La scuola diventa social...che pietosa menzogna!
Questo governo doveva essere sobrio e rigoroso,niente proclami, niente TV, niente faziosità...invece si è ben inserito nel teatrino delle falsità a cui ci avevano “addestrato” i politici...Usa con destrezza il palcoscenico...
Siamo seri...
Dov’è la resa dei conti?
Tutti ladri...e li riconosciamo!
E non siamo sovversivi né iscritti al partito dell’odio...non siamo sorpassati nè vogliamo continuare a vivere nel nostro paese come “ospiti” indesiderati!!!
Vogliamo solo “vivere”...cosa che ci rimane sempre più difficile!
Sempre vigili


9 commenti:

  1. CARA UPUPA .
    Che dire di questo governo Monti. A sentire le ultime notizie ,trovo praticamente assurde su quello che sta facendo . Visto che non è mai stato un politico come farò a risolvere questa crisi , con tutti i problemi che ci sono nel mondo, e i problemi che miliardi di famiglie devono affrontare! le cose invece di migliorare peggiorano. In molti hanno capito che Monti è ostaggio dei partiti, in parlamento la maggioranza è ancora composta da pdl+lega. Suppongo che non ha carta bianca su tutto, dovrà sottostare alla volontà di altri soggetti. Per esempio mi sembra che volesse introdurre la tassa patrimoniale, ma Berlusconi si è opposto.E non se ne fara nulla .
    MANOVRA SALVA ITALIA? CHE SCHIFO . CIAO LINA

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Stiamo tutti danzando sull'orlo di un vulcano in funzione!

    RispondiElimina
  4. Augurandoti buone feste, invito te e i tuoi visitatori a votare i migliori film e attori del 2011. Dato che hai un blog di cinema, ti ricordo di votare anche nella sezione apposita.

    FILM 2011

    RispondiElimina
  5. Un fine anno difficile, soprattutto per chi come me vive a Mestre (Porto Marghera è una fucina di disoccupati e cassa integrati)- Abbiamo bisogno di vedere un raggio di sole per pensare che qualcosa cambierà... il cielo è ancora così nuvoloso!

    RispondiElimina
  6. Sempre vigili, Upupa!

    Buon Anno!

    RispondiElimina
  7. Ciao Upupa e buona giornata. Credo, anzi ne sono sicuro, che la "conferenza" stampa di fine anno che il Monti ci ha propinato ieri, ti abbia fornito molte risposte. Se lui ha detto che "non c'è un centesimo da spendere" e, aggiungo io, i tagli alla pubblica amministrazione, quindi anche alla scuola, rimangono quelli definiti nelle altre 4 manovre del 2011 (3monti), delle 5 totali (3monti+monti) che dal nuovo anno diventeranno "mannaia" per le nostre tasche... significa che il Passera ha raccontato castronate (solo perchè non voglio scrivere di peggio!!).

    Mi sembra chiaro!!

    RispondiElimina