FRAGOROSO SILENZIO

sabato 23 maggio 2009

La Scuola "obbligata" a chiedere l'elemosina!!!!!!!!



Della situazione economica delle scuole avevo già parlato,ma a molti ,forse,è sembrata una esagerazione o un allarmismo,ma ora i conti si cominciano a fare realmente ed ecco che il fondo d’Istituto risulta ….in rosso!!!
L’articolo è tratto da Repubblica ….si parla di Roma, ma la situazione è la stessa in tutto il paese!
Il governo continua a dire che tutto va bene, che la crisi è un problema psicologico,ma quando andiamo a verificare, nelle Istituzioni pubbliche, come si continua a lavorare…le cose appaiono in tutta la loro drammaticità!
Così la scuola è costretta a chiedere l’elemosina!!!!!!!

Lettere dei dirigenti per chiedere soldi. Manca tutto: dagli insegnanti alla carta
"Gli istituti vantano un credito di un miliardo dallo Stato e i fondi residui sono finiti"
Scuole, una colletta tra le famiglie
"Troppi tagli, dovete aiutarci voi"
di SALVO INTRAVAIA


ROMA - Per salvare la scuola pubblica dalla bancarotta i genitori devono mettere mano al portafogli. Più di 250 dirigenti scolastici dell'Asal (l'Associazione scuole autonome del Lazio) hanno consegnato ai genitori una lettera sulla "grave situazione finanziaria". Faremo "di tutto per garantire il diritto allo studio e, nello stesso tempo, il contenimento della spesa - scrivono - Ma nelle attuali condizioni le due cose non sono più conciliabili e diventa indispensabile il versamento del contributo deliberato dal Consiglio d'istituto per contribuire alla sopravvivenza". Insomma: senza l'intervento dei genitori la scuola pubblica si ferma. "Non è una situazione nuova - spiega Paolo Mazzoli, presidente dell'Asal - ma ora è diventata grave e, per il prossimo anno, è giusto che l'opinione pubblica conosca la realtà".

La situazione è critica ovunque. Le scuole italiane, in questi cinque mesi del 2009, non hanno ricevuto neppure un centesimo per le cosiddette spese di Funzionamento didattico-amministrativo (toner, fotocopie, cancelleria, detersivi), i fondi per le supplenze sono stati ridotti del 40 per cento e per le visite fiscali, obbligatorie col decreto Brunetta anche per un giorno d'assenza, non ci sono fondi. Mancano, inoltre, i soldi per i corsi di recupero estivi nella scuola superiore che coinvolgeranno mezzo milione di studenti. Finora, gli istituti hanno tamponato con i cosiddetti residui di bilancio che sono presto svaniti. "Le scuole - segnala Francesco Scrima, leader della Cisl scuola - vantano un credito nei confronti dello Stato per un miliardo di euro". Dal 2007 il budget per le supplenze è stato ridotto di 250 milioni. E da ottobre le scuole sono costrette ad richiedere, e pagare, alle Asl le visite fiscali anche per un solo giorno di malattia.


"Abbiamo calcolato - spiega Mazzoli - che la spesa complessiva nazionale per pagare i medici di controllo si aggira attorno ai 100 milioni". Ma non è dato sapere se il calo delle assenze di questi mesi compensa questa spesa aggiuntiva. Così le scuole sono costrette a richiedere "contributi volontari" alle famiglie che oscillano tra i 20 ai 120 euro l'anno. Il ministero sa perfettamente che la scuola sta per crollare sotto il peso dei debiti. Basta vedere le tante interpellanze presentate in aula e in commissione. Le ultime sono del 21 e del 12 maggio, dell'8 aprile e del 5 marzo. Il grido d'allarme arriva dalle scuole di Parma, Piacenza, Settimo milanese, Crema, Bologna, Firenze, Palermo. E qualche settimana prima da Lecco, Ancona, Bergamo e dalla Sardegna. "Istituti costretti ad elemosinare la carta igienica, alunni che restano senza docente per molte ore, forte riduzione del recupero scolastico, annullamento dell'ora alternativa alla Religione, aule chiuse perché inagibili e aumento del rischio". "Le misure di contenimento della spesa - ha risposto due giorni fa il sottosegretario all'Istruzione, Giuseppe Pizza - hanno comportato, come in altri settori pubblici, una riduzione delle risorse finanziarie determinando le note difficoltà".
(23 maggio 2009)
Cosa aggiungere?

36 commenti:

  1. o.t. Grazie mille per il tuo abbraccio Upupa, è stato un gesto veramente bello.

    RispondiElimina
  2. Caro Russo...sono qui sempre!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Aggiungerei: marchionne per la fiat chiedesse la carta igienica ai tedeschi ahahahah.
    Direi, silenzio assordante :-)
    Buona giornata

    RispondiElimina
  4. Il fondo. Poi scavare, scavare, scavare...
    Sussurri obliqui

    RispondiElimina
  5. Per Nicolanondoc...benvenuto come hai ragione!!!!!!
    Per provolution...e dove arriviamo?

    RispondiElimina
  6. La discriminazione si allarga.
    Non tocca solo gli extracomunitari, ma anche noi.
    La parte "povera".
    Chi ha i soldi potrà usufruire di studi privati se andrà tutto a scatafascio...

    Un bacio cara.

    RispondiElimina
  7. Perfetto!
    Rovinare le scuole di stato, questo è il loro sporco gioco,screditarle,impoverirle per favorire le scuole private.
    Evviva la scuola dei previlegiati, dove tutto è più bello, si studia di meno, gli esami sono più facili e magari ti trovano subito un'occupazione.
    I poveri...tornassero a zappare la terra!

    RispondiElimina
  8. Per Marina,Guernica e Rosa...hanno ottenuto ciò che volevano ...il trionfo della scuola privata!

    RispondiElimina
  9. Upupa, senza parole.
    Hanno ottenuto ciò che volevano...
    Un caro abbraccio

    RispondiElimina
  10. Io sono sempre più convinta di un'affermazione di Indro Montanelli: "Il popolo ha la classe politica che si merita, quindi il Governo".
    Ma io dico una cosa: ma se il nostro modello ideale è il Berlusca, cosa ci vogliamo aspettare...

    RispondiElimina
  11. Cara Marina....il berlusca ...non è certo il mio modello!!!!!!!!!!!!!
    Ciao Stella

    RispondiElimina
  12. mi vergogno per te

    RispondiElimina
  13. ...concordo...Anchio mi vergogno di questo blog...

    RispondiElimina
  14. Cosa aggiungere?
    Sapessi quante paroline dolci avrei da dire a certi soggetti.
    Povrea scuola pubblica com'è ridotta.

    RispondiElimina
  15. Al "il corrierePadano".. un blog è uno spazio libero come libero non sei tu..prigioniero di pregiudizi e di falsi valori di cui IO come essere umano mi dovrei vergognare!!!!!!!!La tua vergogna tienila per te perchè nessuno ti ha obbligato a venire nel mio blog...e poi mi avete stancato con il vostro modo becero di giudicare chi dissente da voi...ho già letto in altre occasioni i tuoi "fetidi" commenti, e ti dirò mi hai proprio stancato con la tua arroganza di "so tutto io" e "io sì che capisco"! Forse ti scoccia, e posso capire perchè, ma siamo in un paese LIBERO, e questo non grazie a gente come te,ed io dico ciò che penso! O vuoi denunciarmi per i miei "pensieri? Gente come te lo fa...ma con me non avrete mai niente a che fare! Mi dà fastidio la vostra"puzza"..perchè sì PUZZATE!

    RispondiElimina
  16. PER L'ANONIMO..già il fatto che non ti firmi ..la dice lunga!!!!!!!!!La vergogna è di chi dice "falsità"...come te e i tuoi "compari"

    RispondiElimina
  17. Caro monticiano....c'è chi non vuole "sentire"!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  18. UPUPA

    SEI IL NOSTRO ORGOGLIO!!!!!

    CONTINUA COSI'!!!

    x Anonimo.....
    x Corriere Padano ......

    MA VERGOGNA DE CHE?????????
    Ornella
    FORZA UPUPA!!!

    RispondiElimina
  19. Ma Upupa che stà succedendo?
    Quando si dice che la verità ....scotta..
    Sei attaccata dai "lumbard"????
    Una bella risata Upupa e continua a fornirci informazioni Utili e Necessarie!
    I blogger nascono per questo: devono fare informazione, quella che tutti loro ci negano...
    Vittorio

    RispondiElimina
  20. ..CARO VITTORIO...gli attacchi dei "lumbard"...mi fanno solo ridere...anche perchè se vai a vedere il suo di blog è un "luogo" razzista che fa vomitare!!!!!!Addirittura inneggiano alla POLENTA!!!!!!!!DEVONO PUR ADORARE QUALCOSA VISTO CHE NON SANNO COSA SONO GLI IDEALI CIVILI!!!!

    RispondiElimina
  21. ....dimenticavo Vittorio...per risposta gli ho messo un'altra immagine del "lumbard"per eccellenza!!!!!!

    RispondiElimina
  22. So cosa intendi. Insegno nella scuola da 33 anni e mai come in questo periodo si chiedono soldi ai genitori: per la carta, i corsi, le attività...Il piano di Berlusconi e della Gelmini sta riuscendo in pieno.Più scuola privata, meno scuola pubblica. Noi stiamo discutendo dell'avvio del prossimo anno scolastico: la Gelmini sta cancellando ciò che faceva della scuola elementare una buona scuola. Compiango chi reclama vergogna: vergogna per volere una scuola pubblica più efficiente?

    RispondiElimina
  23. Cara Emanuela...infatti!Qui siamo arrivati,secondo alcuni,a doverci vergognare perchè vogliamo un pò di giustizia sociale e pari opportunità!

    RispondiElimina
  24. Senti Upupa,
    consiglio ai tuoi amici "lumbard"
    di andare a leggere quel post che ha messo giorni fa Stella!! ...quel documento americano ritrovato in rete..... come gli farà piacere!!
    Vittorio

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  26. Upupa ma hai visto che questi padani soffrono disturbi di doppia personalità? Prima ha scritto in anonimato, poi si è dato la conferma da solo.

    Lasciamoli in pace, se fossi in loro mi vergognerei. Soprattutto da quando Borghezio è andato in Germania a fare lezioni di come i fascisti si possono infiltrare nel potere. Tipo sfruttare l'indipendentismo....sono fascisti in camicia verde! E i soliti servi.

    RispondiElimina
  27. Per Vittorio....questi non leggono...sanno fare solo "becera"propaganda!
    Per l'incarcerato...e l'ho capito!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  28. Cara Upupa, passo anche qui a ringraziarti.
    Grazie per il commento lasciato da me.
    Era davvero una piccola soddisfazione che ho voluto condividere con voi!:)

    RispondiElimina
  29. che bello vedere certi blog

    RispondiElimina
  30. ,,..CIAO sR...GRAZIE DELLA TUA RISPOSTA A ....

    RispondiElimina
  31. Oggi la Gelmini ha detto che i presidi non possono fare politica, ovvero lamentarsi della situazione disastrosa, e se non gli va bene così devono andarsene perché "ci vuole gente capace"
    Quest'ultima affermazione, vista la provenienza, è ridicola, il resto è becero fascismo.

    RispondiElimina
  32. Però, per una parte di questo paese lo è! E la parte nostra è una minoranza...dobbiamo crescere, come popolo, finché non ci scrolleremo della nostra italianità nel senso riduttivo del termine saremo sempre in queste condizioni.

    RispondiElimina
  33. la politica italiana, vede nella scuola pubblica, il pericolo del suo futuro. Se tutti, non solo i ricconi possono permettersi un'istruzione, hanno di certo del filo da torcere al palazzo. Ecco perchè da sempre la girano come un calzino e favoriscono il privato!


    un abbraccio upupa e continua così che sei forte

    RispondiElimina