FRAGOROSO SILENZIO

venerdì 26 giugno 2015

La scuola pubblica non c'è più...






Tutto fatto…
Non ci vuole molto a decretare la morte della scuola pubblica, basta un manipolo di buoni a niente, di sanguisughe, di lavativi ben pagati e lo sfacelo è compiuto.
“Con 159 voti a favore il Governo ha incassato, nell'aula del Senato, la fiducia posta sul maxi emendamento che contiene la riforma della scuola. I voti contrari sono stati 112, nessun astenuto. I presenti erano 273 e i votanti 271. Ora la parola passa alla Camera, dove il ddl è già stato calendarizzato per l'8 luglio.” In questo video le novità…


http://video.repubblica.it/dossier/governo-renzi/la-buona-scuola-in-due-minuti-videoscheda/205347/204440


Non è un film né una commedia, è la realtà che questi benpensanti ,i Giovannino senza paura, hanno deciso di farci vivere .
Studenti e insegnanti impegnati in un circo pietoso che distrugge, non solo le buone pratiche scolastiche,ma distrugge la collegialità, la condivisione, l’impegno comune finalizzato ad una società migliore.
E forse è proprio questo che temono, una società che sappia pensare, una società libera e critica, composta da individui e non da pupi manovrati da un puparo capriccioso. Gli insegnanti fanno paura,possono orientare il pensiero,diffondere ideologie,proporre soluzioni alternative, condurre i giovani a ribellarsi.
Quindi occorre delegittimarli, occorre renderli innocui,sottomessi  ad un personaggio,il preside,ossequioso del potere,rispettoso degli ordini e possibilmente corruttibile. Sulla scuola non  è passata una ruspa bensì un caterpillar guidato da un giullare di corte che non guarda chi ha davanti ,procede nella distruzione con caparbietà,quella caparbietà degli stolti,degli asserviti,degli ignoranti.
 Così  si è realizzato  il deserto di idee, di diritti,di libertà… Con gli stessi mezzi di Berlusconi,il puparo ha realizzato ciò che uno stato civile non si sarebbe mai aspettato : la morte della scuola pubblica,  con un’ottima propaganda di regime, con la censura totale delle proteste degli insegnanti che ieri erano in tanti davanti al Senato a protestare, con i video lavagna e gessetto, e con la campagna d’ascolto online, falsa e incontrollabile da parte dei cittadini.
Gli insegnanti non sono disgustati o arrabbiati per una possibile valutazione che arma le speranze di molti,perché non si ha paura di essere valutati. Diverso è capire da chi… E poi gli insegnanti sono
indignati perchè la scuola non è un'azienda,, bensì un luogo di cooperazione e di inclusione, un luogo dove nasce e cresce la cultura e non la competizione malata…
Per essere un pò creativi e nello stesso tempo  cinici o pratici,dovremmo applicare la buona scuola alla politica,un contratto a tre anni e se non raggiungi gli obiettivi a casa…
Ma questa politica ci ha insegnato che sinistra e destra è la stessa cosa…e inutile dire che non è così, che questo è qualunquismo becero…ma molti di noi non lo hanno voluto capire,anzi hanno inneggiato quando un puparo né di destra né di sinistra è andato al governo per far in modo che i lavoratori fossero schiavi, che la scuola non fosse più fucina di cervelli,così le nuove generazioni non avranno mezzi e strumenti per ribellarsi e la società molle e  ignorante facilmente gestibile.

E’ una vittoria del puparo e la sconfitta del vivere civile, dei diritti, della libertà e del futuro del nostro paese.

Ci vogliono servi,ci avranno RIBELLI

Sempre vigili 



4 commenti:

  1. che dire... sta facendo quello che non era riuscito a fare Berlusconi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione Ernest. Un abbraccio

      Elimina
  2. Quando finirà di fare danni il renzino addomesticato?

    Un caro saluto,
    aldo.

    ps.purtroppo problemini di varia natura mi costringono a starmene fuori, almeno per ora.

    RispondiElimina
  3. Ok Aldo,mi raccomando!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina